Giornata di formativa per gli studenti del liceo scientifico “Galilei” sulla partecipazione dell'Assemblea legislativa al processo normativo e all'attuazione delle politiche europee. Un tema che gli alunni delle classi 5^ G e 5^ H hanno approfondito, nell'aula consiliare di Palazzo Leopardi, con il Presidente del Consiglio regionale e la dirigente del Servizio segreteria dell'Assemblea e delle Commissioni permanenti, Maria Rosa Zampa.

Quest'ultima, nel corso del suo intervento, ha illustrato come avviene nel concreto la partecipazione delle Regioni alla formazione delle normative Ue, ricordando le 16 proposte di risoluzione discusse dall'Aula nel corso dell'attuale legislatura e con le quali il Consiglio regionale delle Marche ha fornito il suo contribuito alla formazione delle politiche europee.
Dopo alcune domande formulate dai ragazzi, il Presidente del Consiglio ha aperto la sessione dedicata alle proposte di legge sul reato della tortura, da poco introdotto nell'ordinamento nazionale, grazie alle quali le due classi quinte hanno vinto il concorso Miur “Una giornata di formazione a Montecitorio”, che lo scorso ottobre li ha portati alla Camera dei Deputati. Gli studenti hanno illustrato l'esperienza a Roma e sono poi entrati nel dettaglio delle due pdl - redatte coadiuvati dai professori di Storia e Filosofia, Franca Soria e Marco Riccini, e di diritto, Norma Vivarelli - soffermandosi anche sulle motivazioni che li hanno spinti a affrontare il tema della tortura. Le due classi hanno ricordato in particolare i fatti avvenuti a Genova, nella scuola Diaz, nel corso del G8, e le vicende di Stefano Cucchi e Giulio Regeni. A loro e a tutti gli immigrati vittime di tortura nei lager libici, il Presidente del Consiglio regionale ha voluto dedicare la mattinata, invitando i ragazzi a far pervenire le loro proposte di legge alle famiglie di Cucchi e Regeni. La giornata si è conclusa con la consegna degli attestati di partecipazione agli studenti e una targa all'Istituto scolastico.