Ebbene sì, per la forza delle idee, l’energia dei ragazzi e la voglia di mettersi in gioco, Sabato 17 Dicembre ci hanno nominato scuola capofila della rete, a livello nazionale ed europeo, finalizzata a gestire azioni in collaborazione con il MIUR ed il Comitato 3 Ottobre.

IMG 7107

Il “Galilei” è la prima scuola in cui è nato un comitato, il Comitato Xenia. Formato da più di 50 alunni, provenienti da numerose classi, ha deciso di abbracciare come mission la promozione della cultura dell’accoglienza e del rispetto dell’alterità. Assolutamente inconsapevoli di essere i primi in Italia a realizzare, dopo l’esperienza di Lampedusa, tante iniziative così eterogenee sul fenomeno della migrazione e sul tema della diversità, abbiamo toccato con mano che l’impegno ed il lavoro di squadra sono fonte di grandi soddisfazioni. Proprio Sabato, giornata in cui abbiamo organizzato azioni di sensibilizzazione con due incontri ed un flash mob, i ragazzi del Comitato hanno ricevuto la spinta necessaria per procedere con grande entusiasmo sulla strada intrapresa. Il liceo “Galilei” è anche autore di un progetto con cui ha partecipato ad un bando del MIUR relativo al Debate e al Service Learning. L’obiettivo è quello di creare un vero e proprio “laboratorio di consapevolezza” dove si uniscano azioni sinergiche che portino sia ad un arricchimento del pensiero critico dei ragazzi sia ad una ridefinizione, prima ideale poi concreta, degli spazi della nostra città abitati da rifugiati e migranti. Proprio in coerenza con ciò che si vuole realizzare, Sabato 17 Dicembre, l’Architetto Centanni, Dirigente del Servizio di Pianificazione Urbanistica Generale del Comune di Ancona, ha mostrato due progetti di riqualificazione di alcune zone di Ancona ed ha chiesto ai ragazzi del Comitato di studiare le proposte e di collaborare attivamente alla definizione di spazi di integrazione. Alle ore 11,00 tutti gli alunni del Galilei hanno gridato, con la forza di un gesto e con la dolcezza delle note di “True colors”, ”NOI NON SIAMO POLIFEMO”, un flash mob per “concretizzare ciò che pensiamo, sentiamo, sogniamo…ovvero l’incontro” queste, alcune parole pronunciate davanti ad un piazzale gremito di futuri cittadini consapevoli. Subito dopo, Fernando Jovi Chironda, responsabile del Comitato 3 ottobre, arrivato da Roma proprio per noi, ha catturato l’attenzione dei ragazzi, in auditorium, parlando di sé, del fenomeno migratorio e… di noi. La mattinata si è conclusa con l’ufficializzazione del Comitato Xenia e con il gemellaggio con il Comitato 3 ottobre, sancito dalla consegna di una pergamena, come impegno reciproco di collaborazione.

Il Comitato Xenia e la Prof.ssa Silvia Pascucci